Natale si avvicina…

… e la vostra corona dell’avvento è pronta? Trovo sia un bel modo di arrivare al 25 Dicembre. Certo non è un’usanza prettamente italiana ma la luce delle candele che si accendono alla domenica è un segno che mi piace. Sapete come è nata questa tradizione? Ecco se avete la pazienza di leggere vi posso raccontare.

Fu un pastore protestante tedesco che iniziò questa tradizione; cercava un modo che potesse far sentire anche ai bambini poveri  la magia del natale che si avvicinava, così “inventò” quella che ai giorni nostri chiamiamo corona dell’avvento. Il reverendo Wichern pensò di fare accendere ai bambini 1 candelina al giorno sino all’arrivo del Natale ( quindi erano 24) 4 erano più grandi per rappresentare le domeniche. Oggigiorno sulla corona di abete ci sono solo 4 candele che si accendono ogni domenica, e generalmente l’accensione spetta al più piccolo della famiglia. La corona rappresenta l’eternità e le candele la luce che è donata a Natale a tutti gli uomini.

Ogni candela ha un nome oltre che un significato: la prima è la candela “del profeta” perchè ricorda le profezie della venuta del Messia, la seconda ” di Betlemme” ed è quella che ricorda la città dove è nato il Salvatore, la terza “dei pastori” i primi che videro ed adorarono il Cristo e l’ultima “degli angeli”  coloro che annunciarono al mondo la nasciata del Signore.

Ed ora scateniamo la fantasia perchè se è vero che gli elementi che formano la corona sono sempre i classici niente ci vieta di fare delle piccole “divagazioni” per personalizzare questo simbolo del Natale che si avvicina.

Pronti? Perchè fra poco dovrete accendere la prima candela!