A piedi nudi sulla sabbia

Si lo sò non siamo ancora nel mood vacanza ma provate a chiudere gli occhi e immaginate di essere su una spiaggia a piedi nudi, la sabbia sotto di voi è fresca perché state camminando in riva al mare, il rumore della risacca vi accompagna ed il vento gioca con i vostri capelli. Ecco ora vedete un posticino che vi piace e decidete di sedervi ad ammirare la natura selvaggia, si perché abbiamo davanti agli occhi il mare di Sardegna con i suoi mille colori che vanno dal verde al turchese  al blu, con le onde che si infrangono sulla battigia, attorno a voi nessuno ed il silenzio regna. Sembra un sogno vero? Eh si perché durante la stagione estiva le spiagge sono molto più popolate, fa caldo ci sono grida e schiamazzi quindi rispondete a questa domanda: mai andati in Sardegna fuori stagione? Fateci una seria riflessione perché i motivi per farlo ci sono, eccone alcuni (beninteso se riuscite a farvi dare una settimana di ferie)

  1. I costi di trasporto sono decisamente più abbordabili sia andiate in aereo o che utilizziate la nave
  2. Affittare un alloggio è più facile e assolutamente meno caro rispetto al mese d’Agosto
  3. La temperatura ci permette già di stenderci al sole e anche, questo però se siete coraggiosi, di fare un bagno nelle acque cristalline che caratterizzano quest’isola.
  4. La spiaggia è quasi solamente vostra ma potete comunque trovare già qualche stabilimento balneare dove mettervi comodi oppure farvi servire un panino o un caffè ad uno dei chioschi che si trovano sulle spiaggie, sono aperti.
  5. Se volete fare colazione con latte macchiato e brioche (come me) potete trovare facilmente un posto in un bar con vista mare e non vi sentirete obbligati a lasciare subito il vostro tavolino, anzi potrete leggervi il giornale con tranquillità.
  6. Il giornale lo potete acquistare senza fare code, in più cassiere gentili perché non ancora stressate per il gran lavoro.
  7. La Sardegna non offre solo mare, ci sono siti archeologici, miniere, chiese e città da visitare oltre che tradizioni anche gastronomiche da scoprire. (Malloreddus, seadas, zuppa gallurese, culurgiones di patate…..)
  8. Se non vi ho ancora convinti qualche foto per avvalorare la mia tesiIMG_9292IMG_9305IMG_5877IMG_9298IMG_5779IMG_3623IMG_5914IMG_9309IMG_3627Ops dimenticavo portatevi una felpa perché la sera potrebbe servire

Fotografie di Gisella