Viaggio a NewYork

La grande mela è, a mio avviso, una delle città più affascinanti del mondo. Certo tante non le ho visitate ma New York è una di quelle dove so di poter scoprire sempre angoli nuovi. È una città  ricca di novità, è così grande che quando passeggi a Central Park non pensi di essere in una metropoli, quando cammini sulla Fifth Avenue sai che le vetrine dei negozi ti obbligano a voltare la testa e quando passi da China Town ti chiedi se dietro l’angolo troverai un bellissimo tempio. I suoi quartieri sono tanti, ad Harlem anni fa assistetti ad una messa dove un coro gospel mi fece venire la pelle d’oca, Brooklin sembra una piccola cittadina a misura di bambino, il Meatpacking District  una volta tempio di grandi macellerie è ora uno fra i luoghi più trendy, è ricco di ristoranti e negozi di moda che lanciano tendenze

510BA67E-C9F3-4744-8E55-314CC952224E

Sono arrivata a Manhattan in treno e ad accogliermi il grande atrio con la bandiera americana

 

appena uscita dalla stazione un negozietto dove fare un dolce stop, mini cup cakes dai mille gusti e colori. La scatola che vedete è quella che mi sono gustata mentre un taxi mi portava a Soho, ma non li ho mangiati tutti io…. ero con due amiche 😬

 

ecco il primo sguardo su Manhattan: vecchi edifici accanto a skycrapers e cantieri aperti. Una città viva e dal cuore pulsante.

Quello che amo di questa metropoli sono le nuove idee che sembrano inesauribili, ciò si rispecchia anche nei negozi ne ho trovati alcuni veramente curiosi.

 

un mondo di tè, di teiere, di tazze e di mille accessori bizzarri e non, che possono essere utili per la cerimonia del tè

 

per chi ama sferruzzare da Purl trovate tutto quello che vi serve

 

negozi très chic e dalle ambientazioni raffinate sono ovunque.

 

Quest’anno sono andata a visitare la Freedom Tower è stato un momento commovente, il grattacielo è bellissimo e le due piscine costruite al posto delle Twin Towers sono un omaggio a tutti i morti di tanti anni fa, un bellissimo tributo alla loro memoria.

La giornata come sempre succede con le cose belle è volata. Le prime luci della sera hanno cominciato ad accendersi e noi siamo tornate a Greenwich.

Ciao Big Apple a presto!

 

 

30 Replies to “Viaggio a NewYork”

  1. Il tuo racconto mi ha fatto venire la nostalgia della mia adorata New York.
    Mentre scrivo sono commossa (é un periodo un po’ così ) e vorrei solo prendere il primo aereo e tornare lì, dove ho lasciato il cuore.
    Amo alla follia New York e il mio sogno è di andare a vivere lì, chissà forse un giorno ce la farò. Sognare non costa niente!
    Per me è la città più bella del mondo, sempre piena di vita, di novità.
    Camminare tra le sue strade é magico, mi sento a casa!!
    Nonostante quello che è successo anni fa si è rialzata più forte è bella di prima.
    Quando abbiamo visitato la Freedom Tower l’anno scorso a dicembre é stato un momento toccante, di dolore. Hanno reso omaggio alle vittime nel modo migliore, creando un luogo speciale come solo New York può fare.
    Vedere la città sotto Natale, un’emozione meravigliosa. Non mi dimenticherò mai quei momenti e quando sono un po’ giù guardo le foto fatte li e sogno ad occhi aperti.
    Scusa Gisella se ho scritto così tanto.
    I tuoi racconti sono fantastici, sei bravissima!
    Ti abbraccio forte

    Liked by 1 persona

    1. cara Rita, sono sempre felice quando i miei post sono motivo di bei ricordi o di suggerimenti per viaggi futuri.
      I sogni fanno parte della nostra vita e spesso sono boccate di aria fresca che in alcune circostanze danno sollievo. Ti auguro che questo momento finisca presto e ti mando un bacio grande 😘
      p.s. grazie per i complimenti che spesso danno nuovo sprint 💗

      Mi piace

  2. Gisella che bel racconto di viaggio, mi fa venire voglia di partire e di visitarla!! La stazione di NY è enorme!! Quante cose da acquistare..hai comprato qualcosa? Penso che si rimanga senza fiato quando la si visita, una mia amica che e’ andata li in viaggio di nozze mi ha detto che una volta arrivata, gli e’ sembrato di essere dentro in un set di un film😃!! Intanto , anch’io, continuo a sognare di andare nella grande mela! A proposito perché viene chiamata cosi’? Notte notte 😃

    Liked by 1 persona

    1. ciao Francesca, il nome The Big Apple risale all’inizio del 1900 quando in un libro lo stato di New York venne paragonato ad un grande melo con le radici nel Mississipi e la città era il suo frutto:la mela; ma venne definitivamente conosciuta da tutti con questo nome perchè un cronista sportivo di ippica chiamò la sua rubbrica “Around the big apple” in quanto all’ippodromo di NewYork le vincite alle scommesse sulle gare di cavalli erano molto generose.
      Per rispondere invece all’altra domanda a New York è quasi impossibile non aprire il portafoglio…. magari anche solo per un piccolo souvenir (io però mi sono comperata un paio di scarpe rosa in velluto…. 👠😍😉) Un abbraccio

      Mi piace

  3. Buongiorno cara Gisella! New York e’ il mio sogno nel cassetto! Spero tanto, che un giorno io e mio marito, possiamo fare questo viaggio chissà , vedremo! Intanto grazie infinite per il tuo post ! Ho viaggiato con la fantasia 😍 Bacioni 😘 e buona permanenza!!!
    Come sempre mi hai scaldato il cuore e fatto emozionare !

    Liked by 1 persona

  4. Buongiorno Maria Luisa, sono tornata alla base 😔 ma felice di aver rivisto amiche care e luoghi frequentati abitualmente anni fa che ora mi sono sembrati speciali ( chissà perchè diamo molto per scontato….) Vi auguro di visitare New York, è davvero come un mondo ricchissimo di novità e super dinamico (a meno che tu non ti sieda ad osservare l’Hudson o su una panchina al parco 😊) Baciiii

    Mi piace

  5. Cara Gisella, mi ripeterò…NY è il centro del mondo…non ci sono parole, concordo con la tua descrizione, ogni via, angolo, quartiere, è diverso… A chi mi chiede come era, rispondo sempre- ” New York è quello che tu vuoi che sia…”

    Liked by 1 persona

    1. brava Silvia hai detto la cosa migliore New York, è veramente ciò che tu vuoi che sia perchè può soddisfare gusti, passioni e curiosità fra le più disparate. E vorrei già ritornarci…. 😜 bacio

      Mi piace

  6. Ciao Gisella è una città davvero sorprendente da come la raccontate voi che ci siete stati :)…mi piacerebbe molto andare e portarci anche i miei nanetti rimasti affascinati dalle foto degli zii e poi dai giochi spettacolari che hanno ricevuto :). Forse è già nel blog…?! La ricetta dei tuoi pancake…ne ho provate alcune ma poco soddisfacenti, approfitto del tuo viaggio americano 😄 ispirata dalle tue foto. Buona vacanza bacioni luisa

    Mi piace

  7. La prima volta che ho vissuto negli Stati Uniti i miei figli erano nanetti come i tuoi e quando si tornava in vacanza in Italia cercavamo di fermarci due giorn a Manhattan e c’erano tantissime cose da far fare ai bambini: dalla visita allo zoo, a quella della Statua della Libertà, al negozio dove farti fare un orsetto come vuoi tu, alla cena/brunch al Marriot dove all’ultimo piano il ristorante gira lentamente e così si hanno sempre visioni diverse della città, insomma wonderland….
    p.s. vacanza finita 😪

    Mi piace

  8. New York, da come la descrivi, è viva; sembra di vedere le persone che si muovono nel grandi strade, di sentire il profumo dei cupcakes, di scontrarsi nella folla della stazione….Grazie di avermi portato lì😍 spero di riuscire un giorno a visitarla. Baci 😘😘

    Liked by 1 persona

    1. cara Monica, felice di essere riuscita a farti arrivare l’idea di cosa è NY. Tutte le volte che ci vado vengo “stregata” e stregata è proprio la parola perfetta visto il periodo in cui arriveremo….
      Ti abbraccio, grazie per la visita e ti auguro di visitarla presto 😉

      Mi piace

  9. Ma che meraviglia! Sei riuscita a trasmettermi una grande emozione… l’ultima foto poi, quei grattacieli perdersi nella notte… splendido!
    Che poi, chissà perchè NY è così tanto amata, forse per tutti quei grattacieli alti in modo assurdo, per i film anni ’80… non so.
    Io ero innamorata delle torri gemelle, a scuola avevo fatto un dipinto che poi me lo sono attaccato al muro di casa. Quando sono crollate ho pianto a tavola, forse lo stress del mio primo giorno di lavoro, o chissà…. in realtà non sento questa voglia di andare fino li, mi limito a sognare il nord Europa nella speranza che un giorno anche io possa cominciare a viaggiare, ma quelle torri, il loro simbolo di grandezza, di globalizzazione, di grande comunità, di infinite opportunità ….. ecco forse è proprio questo che trasmette NY.

    Liked by 1 persona

    1. Ciao Lalla, credo che NY sia così tanto amata perchè èelettrizzante, energica, piena di sorprese, un melting pot di culture che affascina e quando si scopre è impossibile restarne indifferenti💗
      Un abbraccio 🤗
      p.s. ma ce l’hai ancora il disegno delle Twinn Towers?

      Mi piace

  10. E’ sempre stato il mio sogno andare a New York e camminare per le strade della Grande Mela!! Grazie per avermi fatto viaggiare con la fantasia 🙂
    P.s. Quei cupcakes sembrano deliziosi, viene voglia di assaggiarli tutti.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...