Brasato al barolo

Fa un freddo pazzesco…. siamo sotto zero eppure oggi è l’ultimo giorno di Febbraio e la primavera si dovrebbe avvicinare…..

Visto il clima (ieri ha anche nevischiato) oltre ad accendere il camino ho preparato quello che per me è la quintessenza dell’inverno in cucina: polenta e Brasato al barolo

È una ricetta che mi insegnò mia mamma tanti, tanti anni fa. È tuttora scritta sul suo vecchissimo primo libro di cucina e tutte le volte che lo cucino mi sembra di sentirle dire: “ hai steccato la cipolla con i chiodi di garofano?” 

Dovevamo avere amici a cena e visto che:

  1. da lunedì a Varese siamo come in frigorifero,
  2. che quest’anno non lo avevo ancora cucinato
  3. che dovevo mantenere la parola data a Marina 

sono uscita, ho comperato un bel pezzo di carne sono poi scesa in cantina a prendere una bottiglia di barolo ed ho aperto le danze. Ecco come ho ballato

Ingredienti per 6 persone:

  • 1.600 gr. di carne di manzo (io acquisto il taglio che si chiama cappello del prete)
  • 2 carote
  • 2 gambi di sedano
  • 1 cipolla
  • 3 chiodi di garofano
  • 4 grani di pepe nero
  • 1 pezzettino di stecca di cannella
  • 3 foglie di alloro
  • 1 bottiglia di barolo
  • sale, pepe e olio

Iniziate a marinare la carne il giorno prima della cottura in modo che gli odori ed il vino la insaporiscano. Tagliate le carote ed il sedano a pezzi, pulite la cipolla e steccatela con i 3 chiodi di garofano. Mettete la carne in un recipiente aggiungete le verdure, la cannella, i grani di pepe nero e le foglie di alloro. Versate la bottiglia di barolo (se non copre la carne aggiungete un pochino d’acqua) e coprite con pellicola. Lasciate in infusione  almeno 8/12 ore (la mia carne l’ho lasciata per quasi una giornata intera). Asciugate la carne con carta cucina, rosolatela in una pentola adatta a cotture lunghe con 4 cucchiai di olio, salate e pepate, unite la marinata e fate cuocere lentamente per 2.30 minuti coperto.A cottura ultimata togliete la carne e con un frullatore ad immersione passate il liquido di cottura. Il mio era leggermente troppo poco denso così ho fatto restringere a fuoco alto per qualche minuto. Tagliate la carne a fette ed impiattate. Io l’ho servita accompagnata ad una calda polenta.

Continuando con la cucina piemontese tradizionale abbiamo concluso la cena con un dolce che tutti hanno apprezzato: il Bonet

Enjoy!!!

Ho scattato alcune foto della tavola. Visto le temperature i piatti marroni mi sembravano adatti (pieno inverno….) però l’azzurro dei tovaglioli, le righe della tovaglia ed il centrotavola ricordavano che la primavera è alle porte. Vi piace?

67140333-7D3D-4E2D-A3A1-25E935516DCFE75F0503-A046-499D-9F81-DB4D731E135EF3FDE32F-DB2A-4A2D-A0E8-20522CEAD3BA

 

23 Replies to “Brasato al barolo”

  1. Grazie grazie grazie! Tavola come sempre deliziosa! Appena posso preparò questa ricetta che ‘intona perfettamente con il clima di questi giorni! Vuoi sapere l’ultima? Da questa mattina senza scqua tubature gelate!!!!😤😤😤😤😤

    Piace a 1 persona

  2. Ciao Gisella grazie per questa ricetta che sicuramente preparerò, la polenta e d’obbligo in questi giorni brrrrrr :). La tavola mi piace molto, complimenti per la cura che metti in ogni dettaglio, ho visto quei sottopiatti in giro…ti ruberò l’idea 😄. Buona giornata bacioni Luisa

    Piace a 1 persona

    1. Ciao cara, felice di darvi qualche idea non solo culinaria 😬.
      Comunicazione di servizio…. io non riesco a lasciarti commenti sul tuo blog mannaggia…. non mi fa entrare ma ci riprovo sicuramente non mollo!😉

      Mi piace

      1. Ciao Gisella ho adattato questa tua ricetta per preparare il mio spezzatino invece del Barolo la Barbera :)…sempre piemontese 😄ma più accessibile solo per due …con la polenta, che poi abbiamo mangiato per tre giorni, esagero sempre con le dosi ma a volte i bambini la mangiano altre no 🙃. Niente foto sto giro siamo rientrati affamati io ed il papi sabato dopo un compleanno di compagni nanetti 😄 (meno male che sono prudente e la carne era già pronta in pentola). Bacioni e grazie 😊

        Mi piace

  3. Complimenti Gisella, una tavola impeccabile, una ricetta deliziosa, anche qui siamo sommersi dalla neve, io in questi giorni ho preparato polenta, un piatto” povero” ma delizioso! Un abbraccio forte 💚 buona serata 😘

    Piace a 1 persona

  4. La polenta sarà anche un piatto povero ma è buonissima. Io la mangerei in tutti i modi: con il gorgonzola, con il latte, con burro e zucchero (mai provata? è super 😋)
    Un abbraccio Maria Luisa e grazie dei complimenti 😘😘😘

    Mi piace

    1. Ma che barba vero? Uno si immagina il tepore del sole, i boccioli che si aprono ed il cielo blu…
      Ma non lamentiamoci troppo l’inverno non è stato così terribile e poi ho avuto la possibilità di gustarmi un buon brasato 😜

      Piace a 1 persona

  5. Ci voglio provare! Non amo particolarmente la carne, ma mi fido a tal punto della tua ricetta da farmela mettere nella lista dei piatti da sperimentare… Per oggi è andata di crostata con confettura di mirtilli…questo freddo (e pure la neve) non smettono di aumentare la mia fame… aiuto …

    Piace a 1 persona

  6. Tavola originale, senz’altro.
    Non so se proverò la ricetta perché qui il brasato non è amatissimo ma a questo punto ci vorrebbe anche quella del Bonet ! Io lo mangiai anni fa andando in gita con un amica a Torino, non lo conoscevo, dopodiché mai più assaggiato.
    Che ne dici?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...