New York e le mie mille liste

Ora  che l’ingranaggio è partito mi ritrovo a dover fare i conti con la dura realtà . Certo dall’esterno tutto è bellissimo (e detto in confidenza avete abbastanza ragione) però ci sono mille cose a cui pensare. Dai documenti che servono per avere il visto, – ed oggi rispetto a qualche anno la trafila è più complessa….. così si può fare la spola in comune più di una volta – a pensare a cosa si deve portare in America, a quello che resterà a Varese ma verrà messo in uno storage (e che quidi richiederà un mini trasloco nel trasloco) a quello che,  causa forza maggiore, proprio resterà in casa. E trovare  chi dovrà prendersi cura della nostra casa, chi dovrà pensare al mio amato giardino (un aggiornamento sulla mia nuova aiuola…. è bellissima! Che modestia 😂😂😂) A parlare con assicurazioni, cercare di vendere le macchine senza rimetterci troppo, parlare con il traslocatore e mostrare quello che vorrei spedire (che dite mi porto la bicicletta? ) capire quanto tempo ci metteranno le nostre cose a raggiungerci e nel caso trovare il modo di avere l’indispensabile per sopravvivere. Organizzare il viaggio di Zion, quindi: visita dal veterinario, vaccinazioni, passaporto e contattare la compagnia che si occuperà del suo viaggio. Prendere appuntamento dal medico per un check-up per me e Roberto da fare prima della partenza. Insomma non sono tutte rose e fiori, qualche spina c’è…

Come pensate che possa riuscire a non perdere troppi pezzi in tutto questo bel marasma? Con mille fogli che raccolgono le mie mille liste! Una per ogni argomento, su bei fogli grandi con il titolo in stampatello: cucina, abbigliamento Roberto, biancheria casa, assicurazione, banche, macchine, Zion, look and see trip ( viaggio che facciamo per cercar casa e foglio su cui scrivo tutto quello che mi piacerebbe trovare, appartamenti scovati in internet e che poi ho passato alla nostra realtor, cosa di cui vi ho già parlato), etc etc. Da oggi potreste chiamarmi Gisella delle liste che a volte non sa dove finiscano… 😬 Nooooo questa volta sono tutte assieme in una bella cartelletta azzurra, color del mare. Il mare altra cosa che so mi mancherà, perché l’oceano che troverò negli Hamptons è proprio tutta un’altra cosa paragonato al nostro bel mediterraneo, però ha il suo fascino… Sì sono ottimista di natura, non è una colpa vero? .

Un abbraccio gigante a tutti voi!