Oggi ho visto l’accensione dell’albero in piazza del Duomo a Milano. Mi è tornato alla mente quando, da bambina, i nonni mi portavano a Milano a vedere le vetrine con le decorazioni natalizie tutte illuminate. Ai miei occhi  erano bellissime anche se sicuramente meno scenografiche di quelle che si vedono oggigiorno. Mi portavano a mangiare la cioccolata con la panna e mi ricordo il freddo e spesso la nebbia…. 

Mi è tornato il desiderio di quei giorni, quando la vita aveva un passo più tranquillo, le piccole cose avevano un valore diverso anche perché a tutto si dava importanza. Oggi è tutto cambiato, non dico in peggio ma l’immagine dell’accensione dell’albero mi ha fatto tornare alla memoria un mondo diverso. Mi ricordo il profumo dell’abete vero che la mamma faceva portare a casa e che Gesù Bambino aveva il compito di addobbare la notte di Natale, la nonna che preparava il suo speciale patè, la cui ricetta ha tenuto nascosta sino a quando si è resa conto che sarebbe stato meglio svelarla alla mamma. Oggi lo preparo io e spero che anche i miei figli lo associno al  Natale, ad un cibo speciale che si fa sempre qualche giorno prima del 25 e che si mangia tutti assieme seduti alla  tavola imbandita. Mi ricordo i nonni che arrivavano per il pranzo, i pacchetti che si aprivano, i visi sorridenti.

Ho sempre amato il Natale con tutte le nostre tradizioni. La messa di mezzanotte, i miei figli che dopo aver brindato con noi scappavano a festeggiare con gli amici più cari, il pranzo tutti assieme: nonni, zii, nipoti, fratelli. Una baraonda magnifica che quest’anno mi mancherà ma mi rifarò il prossimo anno, quando magari la famiglia sarà più grande.

Voi cosa state facendo? State pensando al pranzo? Ai regali? All’albero? Nel prossimo post vi racconterò del mio albero di Natale, comperato vicino a casa e con palline tutte nuove ma che porteranno al nostro rientro ricordi americani. Quelle che abbiamo raccolto in tanti anni sono rimaste a Varese assieme a quelle che  metteva la mia mamma sul nostro abete, sì perché ad un certo punto ho smesso di credere a Gesù Bambino ed ho cominciato ad aiutare la mamma a farlo.

Buoni preparativi a tutti! 

Posted by:mypie2016

ciao, sai chi sono? Mi chiamo Gisella, sono nata a Varese ma ho vissuto anche negli States e a Parigi. Ho 2 ragazzi, forse sarebbe più corretto dire uomini, Niccolò e Tommaso che vivono e lavorano a Milano e durante i week end ( ogni tanto) riappaiono a casa. Sposata da più di 30 anni con Roberto quest'anno abbiamo festeggiato i nostri primi 40 insieme. Amo la mia famiglia, il mare, la cucina, gli amici, passeggiare nella natura ed il mio fedele cagnone, Zion. Mi piace viaggiare, lo preferisco fare in compagnia della mia famiglia (sempre più raro riuscirci...) ma anche sola mi posso bastare. Spero ogni tanto buttiate un occhio su questo sito troverete tutto ciò che mi piace e che spero possa piacere anche a voi. A presto Gisella p.s. ora vivo ancora negli States, vita vagabonda... 😉

25 risposte a "Aspettando il Natale"

    1. ciao, qui da me le cose vanno un pichino a rilento rispetto al solito (troppa carne sul fuoco, ultimamente…) ma sto recuperando ed in casa cominciano ad esserci lucine natalizie. Anche il nostro Natale sarà a due però festeggeremo con maggior enfasi il 26. Arriveranno dall’Italia mio figlio Niccolò con Silvia ed alcuni cari amici si uniranno a noi 4. Devo iniziare a pensare al menù… 🤯

      "Mi piace"

  1. Ciao Gisella! albero finito ieri sera! Quest’ anno ho marciato a rilento, un po’ più stanca del solito, ma sempre appassionata a questo periodo dell’anno. Sono curiosissima di vedere il tuo! Ora penso alla tavola di Natale, userò la mia tovaglia scozzese rossa, è davvero “accogliente” e non dovendo invitare il duca di chissà quale casato, ma i miei genitori, ritengo sia adatta. La seconda chance è usare la mia in lino bianco, ma temo risulti troppo fredda e formale…magari farò qualche prova.
    Buona attesa, io abbraccio te ma tu abbracciami New York , please 😍

    Piace a 1 persona

    1. Ciao Silvia, mi consola sapere che nn solo io sono un pò indietro. A parte il fatto che l’albero l’ho sempre fatto verso l’Immacolata…ma ora tutti sembrano voler anticipare (e se devo essere sincera questa cosa a me non piace troppo 😉) La mia tavola (se arriva il trasloco 😏) dobrebbe avere tovaglia bianca, piatti nuovi e tovaglioli azzurri, qualche albero argentato come centro tavola e musica natalizia di sottofondo. Questo è quello che mi immagino per la cena di Santo Stefano, incrocia le dita please. Io ti abbraccio questa città incredibile ma anche te. Baci

      "Mi piace"

    2. Vorrei tanto aver fatto l’ albero oggi, ma sapendo che avrei lavorato tutto il giorno ho dovuto anticipare giusto di due sere altrimenti poi sarebbe stato difficoltoso riuscirci, un consiglio per MARINA , io ho spruzzato il mio abete artificiale con un profumatore casa all’ essenza di arancio e gingerbread, non saprà da resina fresca ma ti assicuro che funziona e perlomeno non sento quel vago sentore di plastica 😘

      Piace a 2 people

  2. Io sono la più indietro di tutte. Albero ancora da fare, anche io non amo farlo con largo anticipo. Quest’anno ho visto addobbi natalizi dal 31 Ottobre! Non parliamo dei regali…..invece questo post mi ha ricordato il profumo dei mandarinj, l’odore dell’abete, quello vero! Adesso ho un albero finto..che inizia a far concorrenza a spelacchio di Roma! Praticamente devo fare tutto.

    Piace a 1 persona

    1. Non sei sola la mia casa è davvero spoglia, povera…. ma arriverà il trasloco prima o poi.
      Questa mattina andiamo ad acquistare l’albero, evviva 😃. Il profumo di mandarini invece c’è anche se nn sono proprio come i nostri però mi accontento. Buona giornata Marina, un abbraccio

      "Mi piace"

  3. Ciao Gisella! Rockefeller🎄(cosi lo chiama mio figlio) 🤣terminato, ghirlanda appesa alla porta e davanzale salotto decorato, tu a che punto sei con i decori? Dalla tua hai la fortuna di vivere nella città che è l ‘emblema del Natale. ( se ti fa piacere posso inviarti delle foto)

    Piace a 1 persona

    1. cara Marina, anch’io ho fatto l’albero e ho aggiunto una ghirlanda luminosa alla finestra della cucina più un piccolo centrotavola. Sono alla ricerca di alberi in mercury glass ( sai quel materiale di vetro argentato? non socome si chiamino in italiano…. che frana 😣) li vorrei mettere come centrotavola o su un davanzale, spero di trovarli come dico io.
      Certo se mi mandi alcune foto le posterò volentieri ed estendo l’invito a tutte le signore che mi leggono.
      PLEASE MANDATE FOTO DELLE VOSTRE DECORAZIONI se vi fa piacere a piacerebbe molto.
      Un abbraccio affettuoso 🤗

      "Mi piace"

  4. Buongiorno Gisella, a me piacciono i racconti legati all’infanzia, devo dire che oggi corre tutto più veloce! Però il Natale 🎄 e’ magico ed è il periodo dell’anno che amo di più! Mio figlio ha preparato albero e presepe con le musiche in sottofondo, io mi dedico alla cucina,ancora non ho ben definito il menù, ma seguirò sicuramente le tradizioni di famiglia! Un abbraccio forte forte 💚😘 Buona domenica a te e tutte le lettrici

    "Mi piace"

    1. Ciao Maria Luisa, ho lasciato il mio piccolo presepe a Varese 😞 e me ne dispiaccio. È molto semplice e lo avevo dipinto io quando i bambini erano piccoli. Il presepe è il segno più bello del Natale. La nascita del Bambino. Nella mia mente si sta delineando un pranzo abbastanza semplice, di tradizione e gustoso. Sto pensando di fare i tortellini e spero arrivi il trasloco velocemente perché lì ci sono anche i miei libri di cucina. ( niente presepe ma i libri me li sono ricordata😬) Un abbraccio e buona settimana

      "Mi piace"

  5. Ciao Girl! sono certa che Gesu’ Bambino quest’anno ti sorprenderà’ di nuovo. Qui a Bolzano BOZEN attendiamo la neve, albero fatto.. biscotti ancora no… sto meditando se farli, troppo lavoro.. e io perennemente a dieta! Pranzo di Natale… di solito noi non lo facciamo perche’ siamo sugli sci… ma io scrivo molto in questo periodo sul mio quaderno dei pensieri natalizi e vivo (almeno nel mio cuore) l’ atmosfera del Natale di un tempo. baci

    Piace a 1 persona

  6. Ciao Lori, Ma perché noi donne dobbiamo sempre rinunciare ai dolci? Ufffff. Ho comperato dei nuovi taglia biscotti natalizi molto carini ma anch’io non li ho ancora usati (sono in fioretto per una cosa per me molto importante) ma Roberto li richiede, così questa settimana mi metterò all’opera. Che bello scrivere i pensieri natalizi e poi andarli a rileggere qualche tempo dopo, torniamo all’atmosfera natalizia in un battibaleno e ogni tanto pu essere indispensabile. Un baciotto anche a te 😘

    "Mi piace"

  7. Ciao Gisella, ieri ho fatto il presepe ed addobbato casa, e mentre portavo giù dal granaio tutti i miei scatoloni pieni di decorazioni pensavo a te. Non so come ma in questi 28 anni di matrimonio ho accumulato scatole di addobbi, lavoretti natalizi dei bimbi, biglietti di auguri (che raccolgo e conservo divisi per anni)…e mentre sistemavo pensavo: “ma se dovessi trasferirmi a NY cosa ne dovrei fare di tutti questi ricordi?” …forse dovrei buttarli ma non ne ho il coraggio. Buon Natale

    Piace a 1 persona

    1. Noooooo, Maria Cecilia, non si butta nulla! Io ho lasciato a casa le mie decorazioni pronte per il prossimo anno quando torneremo a Varese a festeggiare tutti assieme. Per ora ho fatto dei nuovi piccoli acquisti, la casa è decisamente più spoglia rispetto a quella che avrei fatto a Varese, ma mi piace. Diciamo che è minimalista…. Fai bene non si butta quello che ci fa sorridere e stare bene anche se gli scatoloni diventano tantissimi di più. Un abbraccio e spero di poterti rifare gli auguri fra qualche giorno ancora. 😉

      "Mi piace"

  8. Sono in ritardo? Il fatto è che mi sto prendendo delle pause dal “telefonino”, ultimamente lo tenevo troppo in mano e mio marito si è risentito 😂 cmq, albero fatto prima del 7 dicembre perché era il giorno del compleanno delle figlie e volevo averlo pronto quando sarebbero venute a pranzo. Quest’anno una delle mie genialate me lo ha fatto fare alla finestra del salotto ma dal fuori, tra vetro e inferriata in modo che i rami sbuchino dalla graticola così ho l’albero fuori sul terrazzo ma pure lo vedo in casa in mezzo elle tende quando sono sul divano(non so se ho reso l’idea) è inoltre non ho il suo ingombro nella piccola stanza in previsione della cena di Natale ma siccome il presepe non deve mancare, quest’anno l’ho allestito dentro la piccola valigia vintage con cui mio padre partì per il militare e mi piace un sacco! Piccola chicca, ho usato al posto del muschio dell’orzo tostato (non solubile!) che non usavo e adesso profuma pure!

    Piace a 1 persona

    1. Ciao! (scusa del ritardo, nn avevo visto questo commento….) Bellissimo il tuo presepe, due i motivi la novità di averlo messo lì e poi il fattodi averlo in un oggetto particolarmente caro, bravissima. L’idea dell’albero sulla terrazza che è comunque presente ma “meno ingombrante” mi piace un sacco, furbaaaaa 😉Ti abbraccio 🤗

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...