Il 17 Marzo, si festeggia San Patrizio, il patrono irlandese. La storia di questo Santo è abbastanza particolare, la volete conoscere?

Rapito dalla sua città  natale in Inghilterra quando ragazzo, viene portato in Irlanda e fatto schiavo. Dopo sei anni in cui accudisce le greggi, riesce a scappare e a tornare a casa. Lì, una notte, sente la chiamata divina e decide di entrare in un monastero dove si prepara a diventare prete. Patrizio inizia così il suo predicare alla ricerca di anime che avvicina al cristianesimo. Nel far  questo torna in Irlanda che diviene la sua nuova patria e che lo premierà riconoscendolo Santo Patrono. Si narra che St. Patrick fosse solito spiegare il mistero della Trinità usando un trifoglio, i petali, che formano un solo fiore, rappresentano il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo.

Lo scorso sabato a New York si è tenuta la St. Patrik’s day parade. È la parata più antica e più grande che si tiene sul suolo americano. Gli  irlandesi, negli States, sono una grande comunità e vederli sfilare per la 5th. Avenue è davvero uno spettacolo! Arrivano da tutti gli angoli degli Stati Uniti per camminare in corteo vestendo almeno un indumento del colore della loro terra: il verde e mostrando con orgoglio il Trifoglio.

0819866F-BE63-4266-8058-A695D9AE31BCACA3028E-EE99-4E18-92C0-8B47D20D45CE34B01E8D-DC35-48D2-A94D-25F4192CB949

La prima parade si tenne verso la fine del 1700 e furono i soldati irlandesi che servivano sotto l’esercito inglese che marciarono  per le vie di New York suonando musiche irlandesi. Dal quel lontano 1762 tutti gli anni si tenne la sfilata. Ogni anno sempre più sentita e gremita. Anche oggi sfilano persone che vestono i costumi  dell’epoca e non mancano musiche suonate da bande con il classico quilt.

Moltissimi sono gli americani con origini irlandesi che sono arruolati nei corpi di polizia e vederli sfilare con il petto all’infuori ed il mento alto è emozionante.

920B3B02-E94C-4B00-96B8-07D91F3296DB1F6A63B9-24B5-451E-A7DA-60ECCA18C2DCAA2FE3F5-C899-4541-8B16-4746757BC07B8A75B238-2557-4EA0-9852-102B327D5A33

La parata passa davanti alla Cattedrale di St. Patrick che si trova sulla quinta strada

E9A6515A-C8A8-4720-8B2B-494B7C5D5057

Tutta New York è in festa. Sulle strade si trovano venditori di  cappelli, collane e sciarpe verde trifoglio. I diners ed i ristoranti spesso  mettono nel menù il piatto nazionale irlandese: il corned beef and cabbage. Una curiosità che ho scoperto è quella che dice che nei campi venissero piantati i piselli durante la giornata del 17 marzo e che in tutte le case si preparasse l’ irish soda bread. 

Generalmente le tavole irlandesi durante questa festa sono apparecchiate con il color verde ed i trifogli, il pasto  spesso finisce con un dolce in cui il verde sia ben evidente

 

e quelle cupcakes, nonostante il colore un pò troppo verde, me la mangerei….

 

foto mypiesite e Pinterest

 

 

Posted by:mypie2016

ciao, sai chi sono? Mi chiamo Gisella, sono nata a Varese ma ho vissuto anche negli States e a Parigi. Ho 2 ragazzi, forse sarebbe più corretto dire uomini, Niccolò e Tommaso che vivono e lavorano a Milano e durante i week end ( ogni tanto) riappaiono a casa. Sposata da più di 30 anni con Roberto quest'anno abbiamo festeggiato i nostri primi 40 insieme. Amo la mia famiglia, il mare, la cucina, gli amici, passeggiare nella natura ed il mio fedele cagnone, Zion. Mi piace viaggiare, lo preferisco fare in compagnia della mia famiglia (sempre più raro riuscirci...) ma anche sola mi posso bastare. Spero ogni tanto buttiate un occhio su questo sito troverete tutto ciò che mi piace e che spero possa piacere anche a voi. A presto Gisella p.s. ora vivo ancora negli States, vita vagabonda... 😉

18 risposte a "St. Patrick’s day"

  1. Cara Gisella, grazie perché mi riporti sempre nella città che adoro, oramai quasi due anni fa visitai la cattedrale di St. Patrick e pure quella di St. Paul, che se non sbaglio è tra le più grandi esistenti. Gotico maestoso… Bei ricordi♥️…mi piace pensare di poterci tornare

    Piace a 1 persona

      1. Sono un po’ giù di tono..ma resisto😅 si, ci interessa molto la mostra che andrai a vedere e a me in modo personale anche di iniziative Newyorkesi nei prossimi mesi a venire, che magari mi dicano -“vale la pena che ci ritorni” 😄

        Piace a 1 persona

    1. si Marina, concordo proprio su quello che hai detto. Nel nostro piccolo non dobbiamo abbandonare le tradizioni. Un piccolo esempio: quando mi sposai il testimone di mio marito venne a portarmi il bouquet del matrimonio. È una cosa che non fa nessuno, di solito ci pensa il fiorista…. ma a casa di mia mamma usava così e la stessa cosa succederà il giorno del matrimonio dei miei figli. A proposito, vi ho detto che quest’anno si sposano entrambi? Baci 💋

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...