Sex and the city, le Manolo e Magnolia Bakery

Le quattro protagoniste, ve le ricordate? Carry, Samantha, Charlotte e Miranda. Donne affascinanti, divertenti, eleganti e grandi amiche. Hanno l’abitudine di telefonarsi a tutte le ore, vedersi quasi quotidianamente, confidarsi i segreti del cuore. Si raccontano di tutto e di più, dalle imprese sessuali ai problemi per emergere nel mondo lavorativo, dalle tipiche paranoie femminili ai problemi della vita di tutti i giorni. Ci trasportano in un mondo bellissimo, nella New York pre 11 settembre dove tutto era scintillante, loro sempre impeccabili e regolarmente su tacchi 12. (per me assolutamente impossibile… mi farei una distrorsione tibio-tarsica al giorno). Facevano vivere momenti di puro bliss e ci facevano sognare.

Credete nella vera amicizia fra donne? Un po’ come queste quattro signore ci hanno dato prova almeno sullo schermo? Io sì! Beh magari non tutte sono pronte a darti una mano nei momenti difficili ma ci sono quelle che lo fanno senza riserve, che ti affiancano, che piangono e ridono assieme a te, che ti sostengono, che non ti giudicano e che si siedono con te ad aspettare che la tempesta passi. (avuto prova anche ultimamente) Poi ci sono anche quelle che sono un po’ invidiosette, che non ti diranno mai che sei in una forma smagliante e che se devono dire una parola nei tuoi confronti non sempre è quella giusta. Facciamo finta che questa categoria non esista e concentriamoci sulle altre, ne guadagneremo di sicuro, parola di Gisella…

Per tornare al nostro quartetto, ora che vivo a New York,  sono andata a visitare uno dei luoghi che queste 4 signore frequentavano e ovviamente me ne sono innamorata. Magnolia Bakery è una catena di pasticcerie dove bere un caffè o una limonata – ora che la stagione lo consente –  e gustarsi una cup cake o un lemon bar.

L’arredamento è un po’ shabby chic, e ricorda anche i  bistrot francesi con i piccoli tavolini rotondi. Non c’è personale che viene a prendere gli ordini, piattini e bicchieri di carta sono quello che vi dovete aspettare. Ci si mette in fila, si decide leggendo sulle grandi lavagne cosa bere e poi guardando il bancone pieno zeppo di delizie si dovrebbe scegliere abbastanza velocemente per evitare che la fila, normalmente lunga, diventi chilometrica. Beh vi assicuro che la cosa non è così facile. Fatto l’ordine, ritirato e pagato quanto dovuto si hanno due  opzioni: prendere il tutto ben impacchettato e sedersi su una panchina al parco oppure accomodarsi ad un tavolino e gustare la vostra leccornia mentre tutto attorno c’è profumo di vaniglia e cannella. Secondo voi cosa faccio di solito?

Non sarò chic e vip come Carry o Samantha e non indosserò le famose Manolo ma una chiacchierata con un’amica non me la faccio scappare. A volte è più terapeutico che una seduta dallo psicanalista! 😉

p.s. Visto che le famose scarpe di Manolo  Blahnik è facile recuperarle – ovviamente se il portafoglio lo permette – sono andata a cercarmi il negozio di calzature che ha aperto Carry/Sarah Jessica Parker. Questa donna ha decisamente buon gusto!